a

logo_skype.pnglogo_facebook.png

Museo all'aperto sulla Grande Guerra nel Parco Nazionale dello Stelvio

  • Anno: 2005
Negli anni 1915/18, durante la Prima Guerra Mondiale, sulle montagne della Valtellina e della Valcamonica in corrispondenza dell'attuale settore lombardo del Parco Nazionale dello Stelvio, si estendeva il fronte che contrapponeva le forze armate dell’esercito austroungarico e quelle dell’esercito italiano. Le tracce del conflitto sono ancora in gran parte presenti e costituiscono memoria del nostro passato. Un vero e proprio patrimonio storico culturale che non trova eguali anche in altri contesti forse oggi più famosi.
Grazie agli itinerari che il progetto mira a recuperare e ad interconnettere per la realizzazione di un vero e proprio circuito è possibile raggiungere luoghi che hanno rilevanza, oltre che storia, per gli aspetti floristico-faunistici, per quelli geologici-morfologici e per quelli ecologico paesaggistici in genere.
Il progetto ha previsto il recupero e valorizzazione della sentieristica (oltre 11 km) e dei manufatti militari (trincee, baraccamenti) con la ricostruzione completa di alcune baracche il restauro delle opere d'arte. Inoltre pannelli informativi,contenenti  frammenti dei diari di guerra degli ufficiali che ivi hanno combattuto e segnaletica d'indicazione, si aggiunge ad opere di ingegneria naturalistica.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.